Impianti sportivi e sicurezza

Contesti e sviluppi

A partire dall’inizio del nuovo millennio, le destinazioni d’uso degli impianti sportivi sono state diversificate ed ampliate, una polifunzionalità di eventi e servizi che ne ha accresciuto il ruolo e, parallelamente, le complessità di gestione e management. L’evoluzione di queste strutture, in considerazione anche dell’impatto del Covid-19 sugli equilibri economici già instabili del settore, ha determinato e determina tuttora un necessario ripensamento del concetto di sicurezza legato alle stesse. Il “ritorno alla normalità” in seguito alla prolungata interruzione legata alla pandemia è caratterizzato da pesanti restrizioni di impiego delle strutture, spesso imposto normativamente, con la conseguenza di acutizzare le spesso difficili situazioni finanziarie in cui versano le imprese responsabili.

Con riferimento al tema della security, questa crisi ha obbligato le aziende ad effettuare corpose riduzioni dei costi di gestione, ma, come dimostrano, ad esempio, i più recenti incidenti di ordine pubblico occorsi nella Ligue 1 francese di calcio, con invasioni e lanci di oggetti dagli spalti da parte degli hooligans d’Oltralpe (si contano 7 episodi ad oggi), le attuali strategie non si sono rivelati idonee al contenimento di un fenomeno in continua espansione. Questi avvenimenti, infatti, inficiano, oltre al regolare andamento della competizione sportiva, l’immagine e la reputazione dell’intero sistema, allontanando il pubblico da stadi e palazzetti, con conseguenti ulteriori ricadute economiche sulle società.

In tal senso allora il processo di gestione della sicurezza può essere uno strumento per ripensare la fruibilità dell’evento sportivo, se declinato in tre prospettive differenti ma interdipendenti: security, safety ed emergency. L’esigenza di coniugare questi aspetti, nell’ottica di una completa ri-funzionalità di queste strutture, impone l’adozione di un approccio sistemico che integri l’efficientamento di investimenti e risorse, la collaborazione sinergica con gli enti istituzionali preposti e l’innovazione tecnologica, e non solo con riferimento a stadi e palazzetti dello sport ma anche per i centri sportivi. Le opportunità fornite dalla digital transformation possono agevolare l’implementazione di un modello di governance della sicurezza che garantisca flessibilità di soluzioni e di processi, con l’obiettivo di razionalizzare ed ottimizzare gli investimenti e generare un impatto positivo sulle modalità operative e sulla fruibilità dei servizi offerti.

Leggi altre News

Secursat e Hitachi Rail Italy

Industry

La governance della sicurezza per gli stabilimenti produttivi italiani del gruppo giapponese leader mondiale per le metro wireless Napoli, Pistoia, e Reggio Calabria sono i tre stabilimenti italiani in cui Hitachi Rail Italy ha ...

Le linee guida di progettazione di un Security Operation Center

Consulting

L’approccio da seguire nella progettazione di un SOC pensato come Hub tecnologica. Un Security Operation Centre (SOC) può essere il cuore nella gestione della sicurezza e può essere pensato e progettato come luogo ...