Lo sguardo sul mondo Secursat

Settembre 2020 scenari e statistiche COVID-19

Oramai sono molteplici le fonti che si occupano di dati e statistiche COVID-19 condivise anche dalle principali testate nazionali, Secursat sfruttando il partner internazionale attraverso il quale offre servizi di travel security per i propri clienti condivide i dati dei diversi paesi del mondo e pillole di security, per provare ad immaginare, attraverso una visione globale, risposte e strumenti di resistenza alla crisi. 

Secursat condivide una visione globale e cross-country e prova a rispondere ad alcune delle domande più frequenti sul tema.

Scarica il report aggiornato al 17 Settembre

/media/Secursat covid 19 scenario globale.png

Come si comportano gli altri paesi davanti l'aumento dei contagi? Il lockdown è ancora l'unica soluzione? Ci sono restrizioni per chi torna dai paesi esteri?

L'Europa 

/media/Secursat new case covid 19 europe 10 settembre.png

Durante la stagione estiva i casi sono continuati ad aumentare superando i 3.600.000 milioni. Per frenare l'aumento dei casi, l'Ungheria ha chiuso i confini agli stranieri dal 1 ° settembre e 14 giorni di quarantena a chi rientra nel paese. Venerdì 21 agosto, la Francia ha registrato il maggior numero di nuove infezioni da maggio e Parigi ed i tre dipartimenti di Seine-Saint-Denis, Hauts-de-Seine e Val-de-Marne impongono mascherine obbligatorie anche all'aperto e nei locali pubblici. Eccezione è Cipro che sta registrando un costante calo dei casi il cui totale nel paese è di 1.400.

Il Regno Unito

Il Regno Unito continua ad essere uno dei paesi che impone maggiori restrizioni in termini di viaggi tra i paesi. A causa di un aumento consistente delle infezioni settimanali, la Repubblica Ceca e la Svizzera sono tra gli ultimi paesi europei ad essere stati rimossi dall'elenco dei corridoi di viaggio del Regno Unito. Nell'ultima settimana, il Portogallo ha anche registrato un aumento sostanziale delle infezioni, rendendolo un possibile concorrente per aver perso l'esenzione dal requisito di quarantena del Regno Unito. 

Americas e Africa 

Gli Stati Uniti superano i 6.300.000 casi di infezioni e rimangono il paese con più alto numero di morti seguito da Brasile e  Mexico.  In Canada 135.000 sono i casi totali, la cui quasi metà è registrata nella provincia del Quebec, dove le autorità puntano sul regime di  restrizione, imponendo la quarantena per 14 giorni a chiunque arrivi nel paese.  Secondo l'Africa Centers for Disease Control and Prevention (Africa CDC), lunedì 1 settembre, il numero totale di infezioni in Africa ha superato 1,2 milioni. L'Africa meridionale ha registrato il maggior numero di infezioni, seguita da Nord Africa, Africa occidentale e Africa orientale. In termini di nazioni, il Sudafrica è stato più colpito del con oltre 627.000, contro i 65.000 casi del Marocco,  dove le autorità avvertono di un nuovo blocco se i casi continuano a salire. In Algeria, invece, le autorità hanno confermato la previsione di allentare le misure COVID-19 questo mese

Asia e Middle East

L'India continua ad essere uno dei paesi maggiormente affetti dalla pandemia con più di 4,500,000 infetti  registrando in data 9 settembre 2020 il numero più alto di contagi giornalieri registrato fino ad ora: 95.735. In Medio Oriente  la maggior parte dei paesi che allenta le proprie restrizioni. Gli Emirati Arabi Uniti arrivano a quota 70.000 con un picco di nuovi casi registrato il 2 settembre che ha comportato la possibilità che venga inserito il coprifuoco insieme a nuove restrizioni. In Israele il numero totale di casi sale a 145.526 e il governo ha annunciato un nuovo lockdown a partire dal 18 settembre e durerà fino all'11 ottobre. Più preoccupante è Gaza  con circa 300 nuovi casi in meno di una settimana che hanno comportato lo stato di emergenza. Il gruppo militante palestinese Hamas ha accettato, all'inizio della settimana, di accettare un accordo di cessate il fuoco con Israele in cambio di un'infusione di denaro, forniture mediche e attrezzature dal Qatar. Secondo quanto riferito, la sovvenzione finanziaria a Gaza sarà distribuita alle famiglie colpite dal virus.

Secursat pillole di security Covid-19

La trasmissione del virus è getibile? 

Il dottor Hans Henri P. Kluge, direttore regionale per l'Europa dell'Organizzazione mondiale della sanità, ha avvertito che la prossima stagione rappresenta anche una sfida a causa della riapertura delle scuole e dell'inizio della stagione influenzale invernale. Nonostante ciò, ha detto che le società sono meglio preparate rispetto a quando è iniziata la pandemia: “ora siamo molto più sofisticati nella nostra conoscenza di ciò che funziona. In questo senso è possibile gestire la trasmissione del virus nella società, e avere un'economia funzionante, e molto importante, avere un sistema educativo aperto ”.

Il virus è lo stesso in tutto il mondo? 

L'Eijkman Institute for Molecular Biology, un laboratorio di Jakarta, ha recentemente annunciato che nei campioni raccolti è stata trovata una mutazione del virus. Gli scienziati dell'istituto ritengono che il ceppo sia più contagioso, ma sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se questo ceppo è responsabile dell'aumento dei casi.

Eesiste un vaccino?

Secondo diverse notizie, il Canada si è assicurato accordi con Novavax e Johnson & Johnson, due società che lavorano su un possibile vaccino per COVID-19. Alcune settimane fa, il Canada ha firmato altri due accordi di approvvigionamento con Pfizer e Moderna per garantire un potenziale vaccino. In relazione a questo, più di 150 vaccini vengono testati e sviluppati in tutto il mondo. 

Chi è stato già colpito può essere colpito nuovamente?

Sabato 26 agosto, l'Istituto di microbiologia dell'Universidad San Francisco de Quito, Ecuador, dove sono oltre 155 .000 i casi registrati, ha segnalato il primo caso di reinfezione. Secondo l'istituto, il paziente è stato infettato prima a maggio e poi di nuovo ad agosto. Anche altri paesi in tutto il mondo, tra cui Hong Kong, Paesi Bassi e Belgio, hanno segnalato reinfezioni.

Essere certi di cosa accadrà e di come reagire non è semplice, tuttavia, è possibile analizzare gli scenari e pensare ad un nuovo modo di vivere l'azienda e la mobilità attraverso tecnologie e soluzioni capaci di monitorare, anche a livello internazionale, gli spostamenti e garantire un'informazione costante e continua per affrontare le nuove sfide che il COVID-19 ma non solo ci costringerà ad affrontare. Secondo la visione Secursat, infatti, attraverso un costante monitoraggio delle dinamiche internazionali, una solida rete di partner all'estero, il costante aggiornamento delle notizie globali e tramite l'utilizzo applicazioni di monitoraggio per i dipendenti che torneranno a viaggiare è possibile pensare ad un futuro con la mobilità internazionale. 

Per ricevere i report aggiornati e globali sulla situazione relativa al COVID-19 ma anche in generale sugli scenari di sicurezza internazionale, o per ricevere maggiori informazioni contattaci. 

Scarica il report aggiornato al 17 Settembre